Suor Imelde, una vita per l’accoglienza

Il 3 novembre 1988 dodici studentesse vengono accolte nel Collegio universitario delle Suore Stimmatine di Milano. Da quel giorno sono trascorsi più di trent’anni, durante i quali centinaia di giovani ragazze, desiderose di proseguire i propri studi nonostante la lontananza da casa, hanno trovato ben più di una soluzione d’alloggio: il Collegio si è rivelato per loro momento di incontro, di condivisione, di crescita umana e spirituale. Per loro c’è suor Imelde, poco più che novantenne, che da trent’anni accoglie le studentesse nella residenza che ancora dirige e amministra.


Un’intervista video a suor Imelde, novant’anni e tanto spirito.

Un modello di vita attivo, semplice e famigliare caratterizza tutte le componenti del Collegio, prima fra tutte Suor Imelde (intervistata proprio in occasione del trentennale della residenza). Viene così a concretizzarsi e a perpetuarsi il desiderio di Anna Lapini (la fondatrice dell’Ordine) e la missione delle Suore Stimmatine: «puntare alla crescita globale della persona attraverso un ambiente protetto, sereno, semplice».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *