Tanti libri al prezzo di un caffè: torna il Salottino del libro usato

In occasione di Bookcity Milano EDUCatt rinnova l’appuntamento più apprezzato dai lettori del pubblico universitario: il Salottino del libro usato torna per una settimana di libri distribuiti al valore simbolico di un euro.

Promuovere e incentivare la lettura come esperienza di valore è una delle volontà del progetto Bookcity cui anche quest’anno EDUCatt partecipa con centinaia di titoli che troveranno spazio nella nuova edizione del Salottino del Libro usato.

Con l’edizione di novembre il Salottino torna in Via Necchi 9 trasformando lo spazio antistante il Container.9 in una libreria en plein air dove molti volumi, alienati dal catalogo EDUCatt o donati per l’occasione da privati, hanno una nuova occasione per aggiudicarsi un posto tra gli scaffali dei tanti studenti, studiosi o bibliofili che curioseranno tra i titoli più disparati: dalla storia dell’arte al cinema, dalla letteratura all’economia, dalla psicologia al diritto, fino alla filosofia e al marketing.
Oltre ai volumi offerti dalla Biblioteca d’Ateneo e a quelli ceduti dal deposito EDUCatt, il Salottino è arricchito da alcuni libri provenienti dalla collezione del compianto professor Angelo Zanella, da donazioni di privati e di professori dell’Università Cattolica, nonché dalla collezione personale di Paolo Barozzi, il cui copioso lascito non è ancora andato esaurito.
Quest’anno poi, grazie all’iniziativa degli studenti che lo gestiscono all’interno del Servizio Soluzioni e strumenti, è stata anche lanciata l’iniziativa dei “libri al buio”: con un euro si acquistano libri confezionati in carta da giornale e di cui non è possibile conoscere prima il titolo: ma all’interno si rischia di trovare romanzi e saggi anche di difficile reperibilità.

Da ricordare che i proventi dell’iniziativa come sempre vanno a incrementare la cifra disponibile per l’acquisto di nuovi libri al servizio di prestito libri EDUCatt.

Il Salottino del libro usato resta aperto da giovedì 14 a mercoledì 20 novembre, sabato e domenica esclusi, dalle ore 10 alle ore 18.

I libri…
«Amici non difficili, che si contentano di un angolo della mia modesta casa, che nessuna mia domanda rifiutano, che premurosi mi assistono e non mi dànno fastidio, che se ne vanno a un mio cenno e richiamati ritornano […] chi con festose parole allontana da me la tristezza e scherzando riconduce il riso sulle mie labbra; altri m’insegnano a sopportar tutto, a non desiderar nulla, a conoscer me stesso, maestri di pace, di guerra, d’agricoltura, d’eloquenza, di navigazione; essi mi sollevano quando sono abbattuto dalla sventura, mi frenano quando insuperbisco nella felicità, e mi ricordano che tutto ha un fine, che i giorni corron veloci e che la vita fugge. E di tanti doni, piccolo è il premio che mi chiedono: di aver libero accesso alla mia casa e di viver con me.»

(Francesco Petrarca, Ad Iacobum de Columna I, 6, 184-202)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *