Fatturazione elettronica in EDUCatt: una nuova sfida da cogliere

Le nuove richieste dell’Agenzia delle Entrate riguardanti la fatturazione elettronica e la trasmissione telematica degli scontrini sono state accolte e integrate con efficienza e rapidità dalla Fondazione, che ha colto la norma come un’occasione per crescere in collaborazione, dialogo e funzionalità.

La Fondazione per il Diritto allo Studio Universitario ha risposto con tempestività alle nuove richieste provenienti dall’Agenzia delle Entrate relative all’invio telematico dei dati fiscali. A partire dal gennaio 2019 è sorto infatti l’obbligo, in capo a tutte le società, di gestire la fatturazione attiva (emissione di fatture) e passiva (ricezione di fatture) in formato elettronico, cui ha fatto seguito, il 1° gennaio 2020, la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate anche dei corrispettivi, ossia degli scontrini.

Tramite il passaggio delle fatture in entrata o in uscita all’interno di una piattaforma online che funge da sistema di interscambio, l’Agenzia delle Entrate dallo scorso anno ha la possibilità di tracciare i movimenti fiscali di tutte le società, agendo nell’ottica di ridurre l’evasione fiscale e nel contempo – adoperando l’apposito formato digitale XML – rivolgendo un’attenzione in più all’ambiente, prevedendo una forte riduzione della carta adoperata da tutte le aziende nell’ambito della fatturazione. Non solo: la seconda tranche di questo progetto prevede che, a partire dal 1° gennaio 2020, anche tutti i corrispettivi dovranno essere trasmessi telematicamente all’Agenzia delle Entrate; i registratori di cassa, che generano gli scontrini, dovranno essere convertiti o sostituiti da nuovi registratori telematici che saranno in grado, tramite collegamento a Internet, di inviare a ogni chiusura di cassa gli incassi del giorno all’Agenzia delle Entrate (che restituirà in tempo reale un documento che conferma la ricezione della trasmissione). Pur continuando a essere presenti in formato cartaceo, gli scontrini trasmessi “in tempo reale” permetteranno all’Agenzia delle Entrate sia di tracciare tutti i trasferimenti di denaro da un soggetto a un altro, sia di semplificare in futuro la parte burocratica relativa alla dichiarazione IVA, che non sarà più solo un onere “manuale” dell’utente.

EDUCatt, con efficienza e consapevolezza, si è mossa nel totale rispetto delle tempistiche fornite dall’Agenzia delle Entrate, avviando le procedure di fatturazione elettronica nel gennaio 2019 e acquistando o aggiornando i registratori di cassa, in modo da poter fornire da subito apparecchiature capaci di effettuare le nuove operazioni richieste, entrando a regime da luglio 2019. Per la Fondazione si tratta di un impegno importante, anzitutto dal punto di vista gestionale; da subito EDUCatt si è mossa a stretto contatto con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, confrontandosi e trovando soluzioni che potessero andare bene per due entità molto diverse dal punto di vista contabile. Questa collaborazione ha permesso di valutare come il gestionale SAP, fino a quel momento adoperato da entrambe le realtà, non riuscisse più a fornire il supporto necessario alle nuove esigenze e di avviare la collaborazione con un nuovo partner, il gestionale E-One (già in produzione presso l’Università e presto implementato anche in EDUCatt). Non solo: i registratori telematici hanno richiesto il coinvolgimento di vari soggetti (di cui molti non interni alla Fondazione o semplicemente privi di una formazione contabile di partenza), che è stato necessario formare e aggiornare sulle nuove procedure obbligatorie.

Una vera e propria sfida, che EDUCatt sta cogliendo non solo per ottemperare nella maniera più fluida e meno problematica possibile a quanto richiesto dall’Agenzia delle Entrate, ma anche per rivedere e “sbrogliare” tutta una serie di processi interni che stanno iniziando a cambiare e rimodularsi, nell’ottica di mantenere e se possibile incrementare la chiarezza in tutto il processo organizzativo della Fondazione.

Per maggiori informazioni:
https://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/index.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *