Casa Fogliani, fare diritto allo studio grazie alla solidarietà

Progetti, eventi e nuovi prodotti: riparte l’Officina Creativa del marchio solidale della Fondazione, per un anno che inizia con l’obiettivo di reinventare gli strumenti per sostenere gli studenti.

Terminata la campagna estiva, che ha visto una serie di promozioni attive sul sito istituzionale del progetto, Casa Fogliani riapre la fucina dell’Officina Creativa per un anno ricco di novità.

Il brand solidale dell’Ente, Casa Fogliani®, dapprima marchio di prodotto legato alla qualità del servizio educhef® che EDUCatt ha creato a partire da Castelnuovo Fogliani, si è infatti affrancato dal legame iniziale con i confini di un solo territorio e si è allargato ad attività e prodotti non solo enogastronomici — ma sempre vicini alle attività della Fondazione EDUCatt — per continuare a reinvestire le marginalità in borse di studio, sostegno economico e servizi, finalizzati ad accompagnare studenti bisognosi nel loro percorso universitario.

Per l’anno accademico ’21-22 ci sono in cantiere numerosi progetti; tra i primi in termini di realizzazione la presenza del progetto Casa Fogliani nel nuovo punto vendita polifunzionale sulla sede di Roma, negli spazi di duepunti Service.
Allo studio è infatti un’area al servizio degli studenti e più in generale dell’utenza del Campus: punto informazioni, centro stampa con servizio tesi, hub di logistica e spedizioni, cartoleria ed edicola. Ed è proprio in questo spazio che verrà ospitata in forma permanente anche la linea di cartoleria di base targata Casa Fogliani, grazie alla quale una quota di ciascun prodotto distribuito andrà sempre a finanziare il progetto e il sostegno degli studenti.
Non solo di matite e taccuini, belli da vedersi e da utilizzare, con un occhio alla sostenibilità ambientale, grazie alla vendita dei quali Casa Fogliani cerca di introdurre un nuovo modo di fare sostegno al diritto allo studio: con lo stesso criterio sono infatti in fase di realizzazione anche percorsi di cucina ed eventi ufficiali sotto il cappello del marchio “buoni a fare del bene”.
I primi appuntamenti in questo senso si svolgeranno in collaborazione con ALTIS, l’Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica, al Ristorante.9, a Milano, che torna così all’attività dopo la sosta dovuta alla pandemia.

Nel 2019 la campagna Buoni a fare del bene, che ha sviluppato il Progetto di accompagnamento per studenti dell’Università Cattolica in collaborazione con il CESI dell’Università Cattolica, la Fondazione Italia-Uganda e con Mocine Cascina Santa Marta, ha gettato le basi per un dialogo tra il diritto allo studio e i nuovi modi di finanziare le borse di studio e gli aiuti economici.
Con i percorsi Piatti per le feste prima e Le ricette di Casa Fogliani poi, EDUCatt si è fatta conoscere al pubblico con i suoi cicli esperienziali che hanno portato in cucina e sullo schermo un’idea di cucina per tutti senza per questo risultare banale: un ottimo riscontro testimoniato dagli oltre 700 contatti raggiunti, in presenza e online.
Non poteva perciò mancare tra le cartucce dell’Ente anche la nuova edizione dei per-corsi con lo chef Andrea Dell’Edera, ma in una veste assolutamente nuova che mixerà i media tradizionali a quelli digitali: il progetto è top secret e gli addetti ai lavori mantengono il riserbo sulle novità: non ci resta quindi che attendere, seguendo Casa Fogliani sui suoi profili social.

Tutte queste attività, che si configurano come il piano editoriale del brand, seppur diverse sono legate dal raggiungimento di un obiettivo comune, potenziare i fondi destinati al diritto allo studio e aiutare una platea di studenti sempre più ampia con nuovi strumenti. Accanto ai più tradizionali e sempre attuali bandi e concorsi per l’assegnazione di borse di studio e premi, è così possibile fare del bene e aiutare i bisognosi partecipando attivamente al progetto Casa Fogliani.
Come contribuire alla missione? Acquistando i prodotti, accuratamente selezionati da produttori e realtà artigianali che sposano i valori dell’Ente: il cioccolato di Modica “Don Puglisi”, i taralli pugliesi di “Antico Forno Angelini” e le birre a km 0 di “Birrificio Argo” e Regalando una video ricetta, acquistandola dalla piattaforma dedicata, oppure partecipando alle attività man mano proposte. Gesti apparentemente estranei alla mission principale di un ente per il diritto allo studio, ma saldamente legati alla volontà di reperire nuove risorse da investire nell’aiuto agli studenti, per un diritto allo studio che sia davvero diritto di tutti.

È possibile seguire gli aggiornamenti sul progetto dal sito web ufficiale www.casafogliani.it e sui profili Facebook e Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *