OJS e EDUCatt: per un nuovo formato delle Riviste accademiche ad accesso libero

Il numero in uscita della rivista “L’Analisi Linguistica e Letteraria”, pubblicato da EDUCatt dal 2011, sarà il primo ad avere avuto una gestione dell’intero workflow tramite OJS, un sistema open source che garantisce una visione d’insieme completa e fluida di tutti i passaggi relativi alla pubblicazione di una rivista scientifica.

Una piattaforma che permette di gestire riviste scientifiche elettroniche, con la garanzia di un flusso di lavoro tutelato in tutti i suoi passaggi e per tutti i diretti interessati, dall’autore al publisher: a partire dal prossimo numero in uscita, la pubblicazione digitale della rivista “L’Analisi Linguistica e Letteraria”, edita dallo studio editoriale di EDUCatt, si baserà sul software open source Open Journal System (OJS).

OJS è un sistema sviluppato dal consorzio Public Knowledge Project (PKP), che sta prendendo sempre più piede per quanto riguarda la gestione totale di tutti gli aspetti della redazione e della pubblicazione di riviste scientifiche. La sua struttura e le possibilità che offre lo rendono ideale per istituti universitari e case editrici che si occupano del flusso di lavoro e della pubblicazione di journals accademici, poiché garantisce la visione d’insieme e l’interazione di tutte le parti coinvolte nella scrittura, nell’impaginazione e nell’editing dei saggi che andranno poi a comporre i numeri di una rivista di carattere scientifico.
Grazie al supporto di Open Journal System è possibile gestire il workflow degli articoli attraverso la suddivisione del lavoro tra i “classici ruoli” di autore, revisore, curatore e editore. Non solo: i diversi passaggi di submission online dei saggi, il conseguente processo di revisione e la pubblicazione degli articoli previa impaginazione possono avvenire in piattaforma, evitando quindi gestioni macchinose e “manuali” e il rischio di perdita di informazioni durante il flusso operativo. OJS permette inoltre la creazione di un sito web dedicato, personalizzabile graficamente (nel caso dell’Analisi Linguistica e Letteraria la migrazione è stata completata e dà accesso all’intero archivio della rivista dal 2011 a oggi), dove è possibile avere accesso ai papers in formato pdf, con la garanzia di una corretta indicizzazione e di un’elevata visibilità in rete grazie all’osservanza degli standard (OAI PMH).

Un sistema intuitivo, gratuito, open source e garante di un corretto flusso di lavoro, che lo studio editoriale della Fondazione per il Diritto allo Studio Universitario ha iniziato a adoperare assieme alla redazione di “L’Analisi Linguistica e Letteraria” – riconosciuta dall’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario (ANVUR) come rivista scientifica di fascia A – e che è a disposizione per tutte le riviste scientifiche che vorranno usufruirne.
Per la Fondazione è un nuovo modo di supportare gli autori e i committenti per proporre contenuti in formato open access, spingendo un po’ più avanti dal punto di vista tecnologico le modalità di pubblicazione delle riviste accademiche, che restano comunque disponibili in formato digitale ad accesso gratuito anche sulle principali piattaforme di distribuzione online (Streetlib, Bookrepublic, ecc.) e in formato cartaceo.

[Si ringrazia Francesco Tosi per la preziosa collaborazione alla stesura di questo articolo.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *