Progetti

Un anno di indagini e valutazioni per il Progetto LIFE

Dopo un anno di dialogo volto a indagare la percezione e la soddisfazione dei servizi EDUCatt agli occhi dei maggiori stakeholders della Fondazione, il progetto LIFE chiude il 2022 con tanti tavoli di lavoro ancora aperti e in programma per l’anno a venire.

Mettersi all’ascolto delle esigenze e delle opinioni dei propri fruitori è il primo passo per l’attivazione di strategie mirate al miglioramento dell’offerta, all’implementazione di nuovi servizi, nonché al soddisfacimento più puntuale delle necessità: proprio con la volontà di raccogliere la voce dei principali stakeholders della Fondazione, il progetto LIFE (Lightening Innovations for Empowerment) continua il suo lavoro di ascolto della comunità universitaria non solo per individuare i punti di forza e le criticità dei servizi, ma anche per indagarne la percezione e il grado di soddisfazione da parte dell’utenza.

Il progetto LIFE, avviato nel 2017 in seguito alle indagini svolte in precedenza, nasce proprio con l’obiettivo di mettersi all’ascolto dei bisogni, delle opinioni e dei suggerimenti dei fruitori dei servizi EDUCatt, attraverso tre principali strategie d’indagine: i questionari, strumenti di misurazione quantitativa articolati in domande chiuse e aperte, i Focus Group, che concorrono invece a un’indagine di tipo qualitativo attraverso piccoli gruppi di studenti guidati dallo staff di psicologi di EDUCatt in un dialogo semistrutturato, e i mini-questionari più sintetici e immediati, pensati per sondare il grado di soddisfazione o di interesse relativo a un singolo servizio localizzato in una specifica sede di cui si vuole il parere diretto dei fruitori.

Tra i servizi maggiormente indagati nel 2022, il servizio ristorativo è stato oggetto di ben cinque questionari brevi tra marzo e ottobre. Dopo i sondaggi primaverili nella sede di Milano, su Mensa.9 e Mensa.5, l’attenzione del progetto LIFE si è spostata sul servizio di caffetteria della sede di Cremona, attraverso un mini-questionario erogato a fine luglio e che ha raccolto un significativo campione rispondenti tra studenti e PTA, passando poi alla mensa Panorama, oggetto di un breve questionario nella seconda metà di ottobre e follow-up di una precedente indagine di marzo 2022, che ha raccolto un significativo incremento dell’84% di rispondenti rispetto all’esperienza precedente, per giungere infine al bar di Piacenza, oggetto di un mini-questionario erogato ad ottobre in due lingue (italiano e inglese) e con un totale di 375 rispondenti, circa il 12% degli invii. In generale, questi brevi questionari, con le specifiche di ogni caso, dettate dalla declinazione del servizio e dalle sedi di erogazione, erano volti a indagare il grado di soddisfazione dell’offerta, delle formule pasto e della varietà dei piatti per le linee mensa e della tipologia di prodotti per i servizi di bar e caffetteria, l’accoglienza e la pulizia degli ambienti e la gentilezza del personale, la percezione della funzionalità di spazi e orari nonché del rapporto qualità/prezzo, sempre con uno spazio per i suggerimenti.

Tra le novità del 2022, il primo questionario breve sul servizio Sport In Campus, erogato sulla sede di Roma tra la fine di settembre e i primi di ottobre, con un totale di 224 rispondenti, ovvero circa il 37% degli effettivi fruitori del servizio sulla sede: tuttavia, il mini-questionario aveva l’obiettivo di capire la conoscenza del servizio tra gli studenti della sede romana ed era orientato all’approfondimento dell’interesse sul tema. L’idea del progetto LIFE per il 2023 è quella di estendere tale indagine sulle altre sedi dove EDUCatt ha attivato il servizio sportivo.

Inoltre, il team LIFE ha avviato una collaborazione stabile con il Centro Sanitario di Milano con il quale ha predisposto un breve questionario sempre a disposizione e compilabile volontariamente dagli utenti a fine visita, in modo da restituire un parere immediato sulla percezione del servizio di cui si è appena usufruito.

Il progetto LIFE chiude il 2022 con tanti tavoli di lavoro in programma per l’anno a venire, a partire dalle ulteriori indagini sul servizio ristorativo e sul servizio sportivo, fino al questionario quantitativo in preparazione e che coinvolgerà, grazie al supporto del Nucleo di Valutazione d’Ateneo, il PTA di tutte le sedi.