In EDUCatt

Una squadra che cresce 

Nuovi volti e nuove energie per la squadra di EDUCatt: alcune delle nuove risorse che si aggiungono alla famiglia dell’Ente per il diritto allo studio si presentano ai colleghi delle diverse sedi.

Un gruppo di lavoratori che cresce di anno in anno: lo confermano i numeri del 2023, che chiude con ben 93 dipendenti, quasi una decina in più dell’anno accademico precedente, all’interno di una squadra che conta complessivamente, a vario titolo, circa 250 persone. Un trend che, in qualche modo in controtendenza rispetto al mercato, riconferma l’impegno di EDUCatt nell’investire sulle risorse umane per contribuire a realizzare la mission dei servizi dell’Università Cattolica.

E in una comunità in cui l’altro è importante, non solo collega, non estraneo, ma innanzitutto persona e poi, in molti casi, amico, è importante dare voce alle storie di chi, anche solo per uno stage, entra nella grande famiglia di EDUCatt. Alcuni dei nuovi volti dell’Ente si sono raccontati: ecco i loro nomi e le loro storie.

Alessandra Occhipinti, nata e cresciuta in Sicilia, dopo il liceo classico si è trasferita a Milano per frequentare la facoltà di Lettere Classiche in Università Cattolica con la laurea magistrale in Filologia Moderna curriculum Editoria e gestione dei beni librari. Prima di iniziare lo stage nell’ufficio Soluzioni e Strumenti, ha collaborato con EDUCatt al Container.9 tramite la collaborazione studenti. Parallelamente frequenta il Master Booktelling. Comunicare e vendere contenuti editoriali, sempre in Cattolica. Grande amante di audiolibri e assidua frequentatrice di librerie, festival letterari e fiere del libro, Alessandra è affascinata da tutto quello che riguarda la cultura, dai libri al cinema, dal teatro all’arte.

Enrico Pezzoni è l’anima della cucina del Bistro.84 a Piacenza: la sua formazione passa per l’Istituto alberghiero di Salsomaggiore Terme e si plasma tra le cucine di diversi ristoranti, tra cui un’esperienza ventennale in un albergo. Nuotatore, appassionato di viaggi, Enrico esprime nei suoi piatti tutta la creatività e l’esperienza personale con grande apprezzamento degli ospiti del nuovo Bistrò piacentino.

Sulla sede di Roma, dopo un’esperienza nella logistica, il nuovo collega Antonio Crielesi si occupa di manutenzione dei collegi e delle strutture EDUCatt, oltre a essere di supporto nelle attività sportive della sede: tra le sue passioni i viaggi e il calcio, in particolare il calcio a 8 per cui partecipa a livello organizzativo alla Lega Calcio a 8.

Strada decisamente più lunga quella che ha portato Boutros Sayegh dalla Siria a EDUCatt: arrivato dopo aver completato gli studi in Belle Arti ha proseguito la sua formazione in Italia nel campo cinematografico. Si è iscritto in Cattolica al master in ideazione e produzione audiovisiva cinematografica e per i media digitali, dopo svariate esperienze in Siria sia con il teatro, che con il cortometraggio, il film-documentario e i video promozionali e musicali. Tramite il volontariato all’Associazione Realmonte ha conosciuto EDUCatt e da inizio dicembre collabora con l’Ufficio Comunicazione per la realizzazione di contenuti video: «sono molto felice di essere parte di un team così bello, collaborativo e amichevole – dice Boutros – mi hanno accolto con affetto e supporto, aiutandomi a capire il lavoro in modo molto disponibile. Mi sento felice qui, sono già passati sei mesi e mi sento veramente a casa. Mi hanno dato un grande amore in più per l’Italia. Spero di poter contribuire con il mio amore, dedizione e esperienza a questo posto, e di poter dare un’immagine positiva vera della mia Siria, diversa da ciò che viene mostrato dai media. Non mi sento un estraneo qui, sento che ci sono molti punti in comune che ci uniscono. Spero che in futuro possiamo essere un esempio di pace, amore e cooperazione per molti altri paesi nel mondo».

Altri nomi, altri volti e altre storie: da Eva Poliakova, impiegata in Ufficio Contabilità, a Marco Bertuzzi a Brescia, a Loris Ceriani, in cucina di Ristorante.9, agli ormai quasi cinquanta studentwork impiegati annualmente negli uffici delle sedi, tutti vanno ad arricchire una squadra che cerca di definire sempre meglio ruoli e funzioni al servizio della comunità universitaria mantenendo costante l’attenzione alla persona.