Le azioni di EDUCatt per vivere l’università in sicurezza

Una segnaletica ad hoc e misure per rendere più agevole e sicuro il rientro alla normalità: EDUCatt si muove per garantire un’esperienza in linea con i suoi standard.

EDUCatt ha intrapreso una serie di azioni per contrastare l’epidemia e garantire così un rientro, seppur graduale, a una condizione “pre-Covid”. Perché è questo lo spartiacque di questo 2020: il mondo prima e dopo la pandemia di Coronavirus.

L’Ateneo si è dimostrato pronto a reagire all’improvvisa – e involontaria – sospensione e riduzione dei suoi servizi. Sono state da subito attivate azioni mirate a contrastare la diffusione del virus, con particolare e doverosa attenzione verso i servizi più delicati: quelli a contatto con il pubblico.

Perché se è vero che far parte di una comunità universitaria significa inevitabilmente, e auspicabilmente, dover interagire con gli altri, è facile immaginare come la quarantena prima e le fasi 2 e 3 poi abbiano richiesto uno sforzo ulteriore e uno sguardo lungimirante verso le azioni future.

Se a farlo poi è un Ente di servizio come il nostro, una realtà al supporto degli studenti e degli utenti dell’Università Cattolica, l’impegno deve essere maggiore.

Sul fronte del supporto alla vita quotidiana negli spazi dell’università e di EDUCatt, molto è stato fatto soprattutto sul fronte della segnaletica.

Indispensabile per il corretto funzionamento di tutti gli aspetti pratici legati alle attività quotidiane, all’interno del rifacimento della segnaletica e cartellonistica, sono stati prodotti materiali ad hoc ed è stata ripensata la linea comunicativa, che si è adattata ai bisogni rendendosi più fluida e immediata.

La Fondazione ha redatto una serie di protocolli e vademecum che ha reso disponibili online sul sito e condiviso sui social: sulla base delle indicazioni rilasciate dall’OMS e dai principali organi del Ministero della Salute, l’Ente ha redatto le proprie linee guida.

Prima regola tra tutte è ovviamente l’attenzione all’igiene personale e a una corretta pulizia degli spazi di lavoro (condivisi e non) e il distanziamento fisico, indispensabile soprattutto in luoghi come le mense e gli sportelli al pubblico.

Sono stati messi a punto protocolli per la sicurezza in EDUCatt e presso il Centro Sanitario, punto per ovvie ragioni più e “a rischio”, oltre a procedure per il rilievo della temperatura corporea e non per ultimo un vademecum contenente le istruzioni per l’assistenza allo studente nell’eventuale periodo di quarantena in Collegio.

La community collegiale in particolare è stata oggetto di attenzione fin da subito e la Fondazione ha prontamente gestito le azioni da attuare nei suoi alloggi. Per continuare a garantire la massima sicurezza alle persone ospitate nelle proprie strutture EDUCatt, in linea con quanto indicato da ACRU (Associazione Collegi e Residenze Universitarie), ha provveduto a redigere il documento Gestione dell’emergenza causata dal COVID-19 – Vademecum per Collegi e Residenze Universitarie contenente le regole e i comportamenti che ogni membro della comunità collegiale è tenuto a conoscere e applicare. 

La riflessione del nostro Direttore, proprio dalle pagine di questo house organ, ci ricorda come sia stata fondamentale la coesione tra tutti i lavoratori e gli organi della Fondazione, per la buona riuscita e il superamento di questa difficoltà:

Questa è stata un’occasione per ciascuno di mostrare le proprie qualità e per rendere più solidi i legami invisibili che rendono coesa una comunità.

Con le chiusure dei servizi alle porte per il periodo estivo è necessario rivolgere un pensiero all’autunno che ci aspetta e alle nuove sfide che si presenteranno: rimanendo sulla traccia di quanto già fatto, sarà più semplice gestire le eventuali difficoltà, per continuare a operare nel pieno rispetto degli standard di qualità e professionalità che distinguono l’Ente.


EDUCatt ha predisposto per l’occasione un area, sempre raggiungibile dall’indirizzo www.educatt.it/covid19, per riportare tutti gli strumenti, i link e i riferimenti, servizio per servizio, con le modalità di gestione e la modulistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *