Nutrizione

Come e dove mangiare? Le “regole d’oro” della pausa pranzo

Poche e semplici regole per valorizzare la pausa pranzo, senza dimenticare di ritagliarsi del tempo per sé e per gustare il cibo, mezzo di piacere e di condivisione oltre che di sostentamento. La parola all’esperto: il professor Giacinto Miggiano.

Oggi si sta perdendo l’attenzione a ciò che si mangia: oltre che fonte di nutrimento, il cibo è anche un mezzo di piacere e di condivisione. La vita frenetica porta a consumare pasti veloci e ciò porta a modificare i nostri bisogni in base ai ritmi della società. Saltare la colazione o il pranzo, considerando l’una o l’altro come “superflui’, costituisce pertanto un errore.

La pausa pranzo è considerata un momento dove poter consumare il cibo il più velocemente possibile. In questo modo gli alimenti non sono assaporati ma vengono letteralmente “divorati”, portandoci a mangiare di più senza rendercene conto. La scelta del pasto è inoltre necessariamente condizionata dal luogo in cui viene consumato. Se non si torna a casa, è consigliabile scegliere di usufruire della mensa (se disponibile) piuttosto che portare il cibo da casa o ancor di più consumare uno snack al bar. Occorre ritagliarsi un momento preciso, seppur breve, per consumare il pasto.

Come in molti altri aspetti della nostra vita è necessario usare equilibrio e metodo. Per questo è utile seguire alcune regole di base:

  • Regola 1: mastica bene e adeguatamente quello che mangi. Gli studi rivelano che esiste una correlazione tra masticazione e sazietà. Se si mastica lentamente, si assapora il cibo con calma, e ci si sente sazi alla fine del pasto; se invece si mangia velocemente si tende a mangiare di più.
  • Regola 2: riscopri il gusto di mangiare in compagnia.
  • Regola 3: non saltare mai i pasti e la prima colazione. Prenditi il tempo necessario per goderti il tuo primo pasto.
  • Regola 4: riscopri il piacere di cucinare. Per ritrovare il piacere di mangiare sano e leggero, prenditi il tempo di cucinare nel weekend o in settimana, a seconda del tempo che hai a disposizione.
  • Regola 5: impara a mangiare non solo con gli occhi. I cibi hanno un aspetto, un odore, un sapore e una croccantezza. Ricordati che “‘mangiare” è una cosa diversa dal “nutrirsi”!

[Foto di engin akyurt su Unsplash]