ESC-tension: tutte le novità sul progetto europeo di identità digitale dello studente

È trascorso un anno dall’avvio del progetto ESC-tension e iniziano a delinearsi i primi risultati, resi accessibili durante la plenaria di Malaga del 15 ottobre scorso.

Il 2020 si è chiuso con il kick-off meeting di ESC-tension (European Student Card Extension and Adoption), il progetto coordinato da Fondazione ENDISU che si colloca nell’ambito del programma Erasmus Plus.

Gli ultimi mesi hanno visto l’implementazione della struttura del Profiling Tool, uno strumento di self-assessment sviluppato a partire dalla matrice multidimensionale di ESC-tension, che ha lo scopo di fornire supporto alle istituzioni universitarie nella definizione del proprio scenario relativamente agli aspetti organizzativi e tecnologici delle carte d’ateneo in uso (sia fisiche, sia digitali) e il loro attuale livello di compatibilità con gli standard della European Student Card.

Dopo una fase preliminare di testing da parte degli addetti ai lavori, lo strumento è stato condiviso in occasione del secondo incontro di progetto, che ha visto i partner riuniti all’Università di Malaga lo scorso 15 ottobre 2021. Dopo l’approvazione della versione definitiva da parte del partenariato, lo strumento sarà reso accessibile a breve al pubblico sul sito www.esc-tension.eu.
Il meeting di metà ottobre a Malaga ha rappresentato un momento importante di condivisione ed allineamento del partenariato di ESC-tension con i maggiori interpreti e stakeholder di riferimento dei principali progetti internazionali che gravitano intorno all’identificazione digitale degli studenti, come il CNOUS, capofila del progetto ESC (European Student Card) e la Humboldt-Universität zu Berlin, capofila del progetto EDSSI L2 (European Digital Student Service Infrastructure Level 2), che ha dato inizio ai lavori durante il mese di settembre.

Questo strumento rappresenta il primo di una serie di risultati concreti previsti nel progetto, e sarà fruibile in cinque lingue (inglese, italiano, polacco, spagnolo, tedesco) sulle rispettive piattaforme nazionali di ESC-tension. Grazie all’interazione con gli ulteriori strumenti che saranno a breve sviluppati, le istituzioni potranno fruire di una serie di indicazioni personalizzate che descrivono i passi da compiere per raggiungere il livello di integrazione desiderato delle proprie carte d’Ateneo con gli standard della European Student Card e per rendere compatibili i sistemi di riconoscimento degli studenti per l’accesso ai servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *