L’Università Cattolica in poesia

Per il Filo di fumo, pubblichiamo oggi tre poesie del nostro collaboratore Simone Biundo tratte da Le anime elementari. In questo libretto, appena uscito per Interno Poesia (settembre 2020), sono contenuti tre testi che hanno come centro la sede milanese dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Il primo descrive un ritorno in bus dal posto di lavoro a casa, il secondo un dialogo svolto all’interno delle mense di EDUCatt, il terzo un’andata da casa al posto di lavoro.

uscita Calstenuovo S.

oltre il guard-rail dell’autostrada
tra Milano e Serravalle
oltre i pianori stretti
dai cavi al cielo
tornando
dal posto di lavoro verso casa
dal vetro di destra dell’autobus
pensava di vederle imbacuccate
le dorsali, le gole e i capi dei monti
una specie d’idea di vacanza
per salvarlo
dal vuoto davanti alla soglia della cucina
ma oltre la ragnatela di vetro e d’acciaio
è solo un deserto
di terra ricoperta di neve, di nebbia, di nubi
e di freddo
mentre nessuna luce
riflette sul trasloco degli animi

Cuore misericordioso di Gesù
sta lì, appeso alle effimere
ardenti e cremisi, e non pompa
ma palpita al fremito dell’aria.
È di lana, ha gli intarsi d’argento e il retro sembra azzurro.
Mia nonna racconta
che la bisnonna lo vide apparire in camera, diceva
quando il bisnonno si salvò
dall’infarto. Non sappiamo dove si trovi l’ex voto.Sono le 12 e 45. La pausa
pranzo sta per iniziare e un’amica mi aspetta
al sole di fronte alla mensa. Oggi abbiamo una riunione.
A tavola, davanti a un piatto di minestra, le descrivo tutto.
Il sangue, nei mammiferi e negli uccelli
cola due volte nel suo giro
per il cuore
che misura nell’uomo
12 centimetri in lunghezza, in larghezza 9
e lo spessore di circa 6 centimetri: di peso
non più di 250 o 300 grammi.
Lei mi guarda, risponde e mi domanda sempre.
Ha gli occhi azzurri
e non batte mai le palpebre mentre parliamo.

C’è sempre neve sul Monte Rosa.
È al sole che la vedi, tra le righe
sopra l’asfalto, quasi in cima al cielo.
Pavia è solo un cartello
verde, dall’altro lato gli Appennini non si vedono.
Sta come sospesa sopra la linea del caldo
la neve
sotto ci sono i boschi e discendono
le acque
stanno scendendo tutte
scompare
mentre fluisce
parlami della lingua di neve

Le anime elementari, Interno Poesia 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *