Pagine di… Natale!

Si avvicina il 25 dicembre, si avvicinano i giorni per dedicarsi alla lettura. Quali libri leggere, di che autori, su quali temi? E che musica ascoltare?

«Signore, dammi il tuo Natale / di fuoco interno nell’umano gelo». Questi due versi brucianti si trovano nel libretto Il tuo Natale di fuoco di Clemente Rebora, edito da Interlinea, a cura di Roberto Cicala e Valerio Rossi. Il poeta, ormai anziano, implora un segno che scaldi e sconvolga la «notte oscura» dell’esistenza e della sua «passione». Le pagine raccolte nel libro, con molti inediti, sono un ventaglio lirico e interiore aperto sul tema del natale che unisce le lettere incandescenti negli anni giovanili e le poesie della tarda maturità.

Il tuo Natale di fuoco fa parte di una collana unica nel suo genere, Nativitas, dedicata al tema del Natale tra letteratura, arte e spiritualità. Giocoforza, cercare qui spunti di lettura natalizi. La serie, peraltro, ha raggiunto nel 2020 i cento numeri e nasce nel 1993 da un’idea del classicista Carlo Carena per l’uscita inaugurale del Protovangelo di Giacomo e della Storia dei re magi di Giovanni da Hildesheim.

Nel catalogo, comunque, si trovano anche testi meno impegnativi rispetto a quello di Rebora e di Giovanni da Hildesheim, come Il menù delle feste di Pellegrino Artusi o le Pubblicità di Natale che hanno fatto epoca di Walter Fochesato o ancora il godibilissimo Tre gialli di Natale, una raccolta a cura di Marina Vaggi che include Nero Wolfe, Sherlock Holmes ed Ellery Queen. Tre racconti gialli che dimostrano come a Natale un delitto possa apparire ben più terribile del solito. Così in Festa di Natale di Rex Stout, mentre Ellery Queen racconta del furto di una Bambola del Delfino esposta con un diamante la vigilia del 25 dicembre in un grande magazzino; e Arthur Conan Doyle in Il caso dell’oca di Natale prende le mosse da un cappello nero malconcio e una grassa oca bianca che contiene al suo interno una pietra azzurra rubata alla contessa di Morcar in un prestigioso albergo di Londra. Alla fine, soprattutto a Natale, il finale è sorprendente e la giustizia trionfa senza la polizia…

Per gli appassionati di arte figurativa, invece, Dieci Natività della Galleria Degli Uffizi. Dieci capolavori che segnano un viaggio nel percorso che dieci grandi maestri di scuole ed epoche diverse, nell’arco di quattro secoli, hanno intrapreso sul tema della nascita di Cristo, interpretandolo ogni volta in maniera diversa e spesso originale e adottando differenti soluzioni iconografiche per rappresentarlo. Da Gentile da Fabriano a Sandro Botticelli, da Leonardo Da Vinci a Dürer e Correggio, un percorso tra arte e spiritualità per accostarsi al Natale in modo diverso anche grazie a un testo di Mario Luzi (nel 2018 gli Uffizi crearono un’esposizione virtuale delle natività: è bellissima ed ancora disponibile qui!)

Infine, tra una lettura e un’altra un suggerimento musicale. L’album Just Like Christmas dei Low, un gruppo di slow core pop minimalista nato nel 1994 a Duluth nel Minnesota, che ha come protagonisti Alan Sparhawk (voce e chitarra), la moglie Mimi Parker (batteria e voce) e il bassista John Nichols (sostituito da Zack Sally a partire da Long Division). Atmosfere malinconiche, unite a melodie soavi e a momenti di stasi trascendente: nell’album di cover lo slowcore si eleva a una meditazione spirituale che può fare compagnia anche nelle notti più gelide.

Simone Biundo

Simone Biundo (Genova, 1990) è insegnante di lettere a Genova in una Scuola secondaria, è editor della rivista «VP Plus», è ricercatore indipendente di storia dell’editoria e della letteratura. Ha pubblicato poesie su «Neutopia», «Margutte», «Poesia del nostro tempo» e «Nuovi Argomenti». Per Interno Poesia è uscito il suo primo libro di poesie, "Le anime elementari" (2020). Con il poeta Damiano Sinfonico, l’attrice e linguista Sara Sorrentino cura la rassegna di poesia contemporanea , poet. – alla libreria Falso Demetrio. Qui in EDUCatt collabora come ghostwriter, SMM e content manager.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *