Donare per ricevere: la solidarietà da mettere sotto l’albero di Natale

Sono sempre più numerosi coloro che scelgono di mettere sotto l’albero di Natale un regalo solidale. EDUCatt, grazie a partner selezionati e al progetto Casa Fogliani, fa della solidarietà un elemento fondamentale della propria mission.

A pochi giorni da Natale fervono i preparativi per i pranzi e le cene in famiglia e soprattutto per il tanto atteso scambio dei regali. Secondo l’indagine eBay condotta da NielsenIQ nell’ottobre 2021, quest’anno gli italiani spenderanno in media 300 euro in regali natalizi; una persona su quattro ha fatto i propri acquisti già a ottobre, mentre la maggior parte preferisce dedicarvisi durante il mese di dicembre. Il 2% degli intervistati ha dichiarato di preferire lo shopping last minute, affidandosi alle offerte dell’ultimo momento e i regali più diffusi sono quelli legati al benessere e al cibo.

Il 2021 ha registrato inoltre una nuova tendenza: il regalo solidale. Qualche giorno fa, per esempio, persone in coda fuori dal negozio di Emergency a Roma erano in attesa dell’apertura, un’ora prima, per poter acquistare prodotti che favoriscono il lavoro di donne afgane. Per di più, la possibilità di acquistare online molti degli articoli solidali, come per esempio le biciclette sul sito dell’Unicef per portare i vaccini in alcune zone remote dell’Africa, permette di evitare posti affollati e lunghe code nei centri commerciali presi d’assalto nel periodo sotto le feste.

Solidarietà: mettere tempo e risorse al servizio dell’altro

“Solidarietà” deriva dall’aggettivo “solidario”, variante desueta di “solidale” che ha alla base l’espressione del latino giuridico in solidum, l’obbligo da parte di un individuo appartenente a un gruppo di assolvere integralmente un debito1. Durante la Rivoluzione Francese il termine ha perso lo stretto riferimento alla sfera giuridico-economica, passando a indicare un sentimento di fratellanza tra cittadini di una stessa nazione che si appoggiano e sostengono reciprocamente. Oggi, naturalmente, il concetto si è allargato a tutto il genere umano e l’aggettivo “solidale” indica tutte quelle azioni che concretamente si traducono in gesti d’amore e carità.

La Realmonte Onlus, nata in memoria del giurista e docente dell’Università Cattolica Francesco Realmonte, promuove progetti di formazione e integrazione per rifugiati politici e richiedenti asilo. Grazie al suo laboratorio artigianale Linea Adele, è possibile acquistare tessili, abbigliamento e accessori e articoli pensati per la linea natalizia. Un’altra realtà che opera non solo per, ma anche con, chi è in una situazione di difficoltà è la General Beverage di Giovanni Varoli che fornisce il servizio di beverage alle mense, tra cui quella di EDUCatt. L’azienda vende infatti bevande prodotte con materie prime acquistate secondo la base del commercio equo-solidale, dove i prezzi garantiscono entrate stabili ai produttori che sono organizzati democraticamente in cooperative che li aiutano a interfacciarsi con il mercato globale. Un’attenzione analoga alle materie prime e agli individui è quella di Sodexo ed Elior, entrambe partner del servizio di ristorazione di EDUCatt, che fanno dello sviluppo sostenibile un elemento chiave del loro business, mediante attività come la lotta allo spreco e il banco alimentare, insieme a un’attenta selezione dei prodotti locali.

I GAS, Gruppi d’Acquisto Solidali

Un altro modo per sostenere le realtà incentrate su politiche equo-solidali è l’adesione ai Gruppi di Acquisto Solidali (GAS). I GAS sono composti da persone che decidono di unirsi per organizzare i loro acquisti privilegiando la filiera corta e i produttori che garantiscono qualità e dignità del lavoro svolto nelle loro aziende. I GAS operano senza scopo di lucro e aiutano le persone o le famiglie a esercitare una forma di consumo critico, basato sulla conoscenza e la qualità del prodotto e del tipo di produzione.

Buoni a far del bene con Casa Fogliani

Con il marchio Casa Fogliani, EDUCatt ha aperto una linea di articoli solidali le cui marginalità vengono reinvestite in servizi, sostegno e borse di studio per studenti in difficoltà agli inizi o durante il proprio percorso universitario. È possibile acquistare birre artigianali, cioccolata, taralli, olio extravergine di oliva e articoli d’abbigliamento e di cartoleria, da combinare a proprio piacere in pacchi regalo, presso lo shop posto all’interno del Container EDUCatt di via Necchi 9. Il progetto, iniziato nel 2018, ha permesso di accogliere a partire dal 2019 alcuni studenti come Denish, Elmer e Omayma, che hanno potuto beneficiare dell’aiuto offerto da Casa Fogliani per iniziare e portare a termine il loro percorso formativo.

1 Lemma “solidarietà” a cura dei filologi Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi in Navigare nelle parole. Dizionario enciclopedico di rai educational (http://www.educational.rai.it/lemma/testi/solidarieta/solidarieta.htm)

L’immagine di copertina è di Lore Schodts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *